PATOLOGIE

PAZIENTE ALZHEIMER – TERAPIA NON FARMACOLOGICA – GRUPPI REMEMBER

In questo caso lo strumento fondamentale per riuscire a ricreare un collegamento tra presente, passato e futuro, è il ricordo.

Attraverso di esso sarà possibile interpretare meglio la realtà quotidiana, migliorando la qualità della vita.

Permette di esplorare il vissuto di una persona (la memoria remota si conserva più a lungo) attraverso la rievocazione di ricordi personali che abbiano una particolare risonanza emotiva, come creare/sfogliare l’album di fotografie, sollecitare con immagini, stimoli musicali, video.

Mette in collegamento passato e presente, incoraggia la socializzazione, aiuta la relazione con l’operatore, restituisce un ruolo sociale, rafforza identità ed autostima, modifica la percezione degli altri, aiuta a riconsiderare la propria vita ed è pure piacevole.

PATOLOGIE - PAZIENTE ALZHEIMER - TERAPIA NON FARMACOLOGICA - GRUPPI REMEMBER
PATOLOGIE - PAZIENTE ALZHEIMER - TERAPIA NON FARMACOLOGICA - GRUPPI REMEMBER
PATOLOGIE - PAZIENTE ALZHEIMER - TERAPIA NON FARMACOLOGICA - GRUPPI REMEMBER
PATOLOGIE - PAZIENTE ALZHEIMER - TERAPIA NON FARMACOLOGICA - GRUPPI REMEMBER
PATOLOGIE - PAZIENTE ALZHEIMER - TERAPIA NON FARMACOLOGICA - GRUPPI REMEMBER
PATOLOGIE - PAZIENTE ALZHEIMER - TERAPIA NON FARMACOLOGICA - GRUPPI REMEMBER
PATOLOGIE - PAZIENTE ALZHEIMER - TERAPIA NON FARMACOLOGICA - GRUPPI REMEMBER
PATOLOGIE - PAZIENTE ALZHEIMER - TERAPIA NON FARMACOLOGICA - GRUPPI REMEMBER
PATOLOGIE - PAZIENTE ALZHEIMER - TERAPIA NON FARMACOLOGICA - GRUPPI REMEMBER
PATOLOGIE - PAZIENTE ALZHEIMER - TERAPIA NON FARMACOLOGICA - GRUPPI REMEMBER
PATOLOGIE - PAZIENTE ALZHEIMER - TERAPIA NON FARMACOLOGICA - GRUPPI REMEMBER