QUIZ

RELAZIONE UTENTE FAMIGLIA EQUIPE – QUIZ 10

1 – Le patologie di interesse psichiatrico sono numerose. Tra i fattori che stanno alla loro origine e la cui influenza sulle manifestazioni delle diverse patologie e sulla loro caratterizzazione è importante e notevole vi sono:

A – Solo fattori biologici

B – Fattori biologici, fattori psicologici

C – Fattori biologici, fattori culturali, fattori psicologici

D – Fattori sociali, fattori biologici, fattori culturali, fattori psicologici

2 – L’elaborazione del lutto per figure primarie avviene mediamente in un periodo:

A – Da 3 a 6 mesi

B – Da 6 a 9 mesi

C – Da 9 a 12 mesi

D – Da 6 a 12 mesi

3 – Di che tipo di rieducazione necessitano i sordomuti?

A – Audio-fonetica

B – Prettamente fonetica

C – Audio-tattile

D – Prettamente tattile

4 – Qual è il giusto ordine dei bisogni secondo la piramide di Maslow?

A – Bisogni fisiologici, bisogni di sicurezza, bisogno di auto-realizzazione, bisogno di stima, bisogno di appartenenza

B – Bisogno di auto-realizzazione, bisogno di stima, bisogno di appartenenza, bisogni fisiologici, bisogni di sicurezza

C – Bisogni fisiologici, bisogni di sicurezza, bisogno di appartenenza, bisogno di stima, bisogno di auto-realizzazione

D – L’ordine dei bisogni è soggettivo, dipende dalle priorità che ognuno si da

5 – Cosa si intende per paratimia?

A – Disturbo dell’affettività caratterizzato da una risposta emotiva contraddittoria rispetto all’evento vissuto dal soggetto

B – Disturbo dell’affettività caratterizzato da una soppressione dello stato emotivo del soggetto che tenderà ad alimentarsi in maniera avida e vorace

C – Disturbo emotivo dell’affettività caratterizzato dall’enfatizzazione di tutte le emozioni provate dal soggetto

D – Disturbo del ritmo sonno veglia con totale inversione del ritmo circadiano

6 – Che cos’è nella comunicazione il livello di relazione?

A – Si riferisce ai discorsi i cui contenuti riguardano la relazione tra i comunicanti

B – È il complesso dei messaggi che informano sul modo in cui deve essere ricevuta una notizia e quindi definiscono la relazione tra i comunicanti

C – Corrisponde alla comunicazione gestuale

D – È tutto ciò che, riferendosi alla relazione, è sempre in primo piano in ogni comunicazione

7 – Quale sociologo è stato definito “il filosofo dell’impressionismo”?

A – Georg Simmel

B – Robert Michels

C – Max Weber

D – Alexis de Tocqueville

8 – La blesità può essere:

A – Sintomo di immaturità del carattere

B – Sintomo di lesione periferica

C – Sintomo di paralisi cerebrale infantile

D – Tutte le precedenti

9 – I bisogni di autorealizzazione sono:

A – Esclusivamente il bisogno di realizzarsi

B – Il bisogno di autorealizzarsi, imparare, comprendere, sperimentare il proprio potenziale

C – Il bisogno di autorealizzarsi, sperimentare il proprio potenziale

D – Pensare solo a se stesso

10 – Le psicosi si caratterizzano per la presenza di:

A – Consapevolezza della malattia

B – Persistenza di deliri

C – Distacco dalla realtà

D – Presenza di disturbi alimentari

11 – Indicare quale elemento tra quelli elencati non caratterizza il rapporto interpersonale nella comunicazione:

A – La comunicazione empatica

B – Il coinvolgimento personale

C – La distanza fisica

D – La comunicazione affettiva

12 – A quale corrente della sociologia è legato il nome di Erving Goffman?

A – Drammaturgia

B – Etnometodologia

C – Sociolinguista

D – Fenomenologia

13 – Quando si parla di “assistenza per obiettivi” si intende:

A – Ciò che deve essere raggiunto dall’operatore

B – Pianificare un percorso condiviso col paziente che prevede dove si vuole arrivare

C – Assecondare ogni richiesta del paziente

D – Selezionare con obiettività i risultati che il paziente vuole raggiungere

14 – Quale tra i seguenti é un disturbo d’ansia?

A – Disturbo bipolare

B – Disturbo narcisistico

C – Disturbo schizoide

D – Attacco di panico

15 – Cosa si intende con il termine prassia?

A – Disturbo dell’attività motoria

B – Capacità di compiere un atto finalizzato

C – Capacità di compiere movimenti

D – Capacità di riconoscere l’attività fisica

16 – La terapia farmacologica nel trattamento dei disturbi mentali:

A – Ha maggiore influenza sul disagio affettivo e sull’espressione dei sintomi, agendo in tempi relativamente brevi e con durata d’azione prevedibile, con effetti più evidenti su disturbi di “stato”, ma non deve essere considerata come l’unico e isolato strumento di terapia

B – Ha maggiore influenza sulle relazioni interpersonali e suIl’adattamento sociale, agendo in tempi relativamente lunghi ma con risultati più persistenti, soprattutto sui disturbi di “tratto”. Per questi motivi non necessariamente deve essere associata ad altre tipologie di terapia

C – Dal momento che determina un effetto immediato é la soluzione preferibilmente adottata, anche non necessariamente in associazione a psicoterapia, che porterebbe invece ad allungare i tempi di trattamento con effetti meno evidenti

D – Va usata solo nel caso di comportamenti aggressivi ingovernabili

17 – Il portiere di un ospedale può comunicare ad altri se una persona è ricoverata?

A – No, se non è stato autorizzato dal degente

B – Sì, salvo diversa indicazione del degente

C – Sì, ma solo ai familiari

D – Dipende dalla normativa dell’ospedale

18 – Nella relazione di aiuto con il termine empatia si indica:

A – Spiegare all’utente cosa sta provando l’Oss in quel momento

B – Mettersi nel panni del paziente

C – Spiegare al familiare cosa il malato sente

D – Mettere il familiare al posto dell’Oss per far capire cosa significa la relazione di aiuto

19 – In presenza di encopresi psicogena la diagnosi differenziale va posta con:

A – Insufficienza mentale grave

B – Colite ulcerosa

C – Malattia di Hirchprung

D – Tutte le precedenti

20 – Secondo G. W. Allport il pregiudizio è:

A – Un concerto corretto, che si modifica anche di fronte a nuovi dati di sapere

B – Un concetto corretto, che resta irreversibile anche di fronte a nuovi dati di sapere

C – Un concetto errato, che resta irreversibile anche di fronte a nuovi dati di sapere

D – Un concetto errato, che si modifica anche di fronte a nuovi dati di sapere

21 – Nella depressione qual è l’aspetto caratterizzante?

A – Rabbia

B – Tristezza pervasiva

C – Attacchi di panico

D – Agitazione

22 – In rapporto al processo di Nursing come può essere definita la valutazione?

A – Esame delle risorse umane e di materiali che dovranno essere effettivamente utilizzati

B – Esame delle responsabilità dei singoli operatori nell’attuazione del piano assistenziale

C – Esame dei cambiamenti nel paziente in relazione ai risultati attesi

D – Esame delle competenze dei singoli operatori nell’attuazione del piano assistenziale

23 – L’elemento psichico del psichismo ossessivo è:

A – Il delirio persecutorio

B – L’euforia

C – Il dubbio

D – Il delirio di rovina

24 – Come si definisce l’incapacità di riconoscere alcuni colori?

A – Daltonismo

B – Retinopatia

C – Strabismo

D – Afasia

25 – Che cos’è l’empatia?

A – Una forma di simpatia molto forte verso un’altra persona

B – Una forma di controllo dei sentimenti verso qualcuno

C – Una forma di rifiuto degli altri

D – Una forma di immedesimazione e di identificazione verso qualcuno

26 – Nella riunione gerarchica il ruolo dei partecipanti è:

A – Attivo, possono decidere interventi e portare soluzioni a problemi

B – Passivo, possono chiedere dei chiarimenti, ulteriori dati ma non sono direttamenti coinvolti nelle decisioni

C – Attivo, ma devono rispettare le regole, lasciare esprimere prima chi gerarchicamente è superiore

D – Passivo solo se non vogliono intervenire volontariamente

27 – La nozione di normalità è sinonimo di:

A – Benessere fisico

B – Salute fisica e mentale

C – Assenza di malattie

D – Benessere psichico

28 – Il concetto di holding (accadimento) è stato introdotto da:

A – Klein

B – Freud

C – Jung

D – Winnicott

29 – Un anziano confuso S/T è frequentemente:

A – Sicuro di sé

B – Perplesso

C – Depresso

D – Ansioso

30 – Nelle modalità di comunicazione, l’ascolto attivo è:

A – Una tecnica facilitante

B – Una tecnica ostacolante

C – Una tecnica facilitante od ostacolante a secondo dell’interlocutore

D – Nessuna risposta