QUIZ

RELAZIONE UTENTE FAMIGLIA EQUIPE – QUIZ 12

1 – La persona con disturbi di tipo nevrotico:

A – Ha coscienza dello stato di “malattia” ma non mantiene la sua capacità di rapportarsi alla realtà e di interagire con l’ambiente

B – Ha coscienza dello stato di “malattia” ma non riesce a mantenere sempre la sua capacità di rapportarsi alla realtà e di interagire con l’ambiente

C – Non ha coscienza dello stato di “malattia” e non riesce a mantenere la sua capacità di rapportarsi alla realtà e di interagire con l’ambiente

D – Ha coscienza dello stato di “malattia” e mantiene la sua capacità di rapportarsi alla realtà e di interagire con l’ambiente anche se non in modo ottimale

2 – Qual è l’identità antropologica che fa esistere Ia famiglia come soggetto sociale?

A – La relazione interpersonale, fondata sull’amore e sulla gratuità

B – Le relazioni interpersonali interne

C – L’amore

D – La gratuità delle relazioni

3 – L’informazione preventiva al paziente, affinché il consenso da questi prestato sia valido, deve essere data….

A – Con un linguaggio comprensibile al paziente, onesta, veritiera e completa

B – Con un linguaggio comprensibile al paziente, ancorché non veritiera

C – Con un linguaggio comprensibile al paziente, omettendo la descrizione dei rischi più allarmanti capaci di suscitare ansietà e/o panico nel paziente

D – Nessuna delle risposte

4 – Chi è l’autore della “teoria del rispecchiamento”, destinato a diventare il fondamento dell’estetica marxista?

A – Renè Girare

B – Pierre Francastel

C – Pitirim Sorokin

D – György Lukács

5 – Fattori che possono generare difficoltà d’ordine psicologico nell’ospedalizzazione:

A – Dimensioni della camera, grado di luminosità, grado di rumorosità

B – Dimensioni della camera, grado di luminosità, grado di rumorosità, temperatura

C – Grado di luminosità, grado di rumorosità, temperatura

D – Nessuna risposta

6 – Quale delle seguenti affermazioni sulle funzioni della comunicazione interpersonale nell’assistenza è giusta:

A – La comunicazione è cruciale per il successo del risultato dell’intervento assistenziale e di cura

B – La comunicazione è un’attitudine personale

C – La comunicazione è il mezzo per formulare giudizi su altre persone

D – La comunicazione deve esprimere messaggi verbali e non verbali univoci con gli assistiti aggressivi

7 – I meccanismi di difesa possono essere definiti:

A – Atteggiamenti che tendono a far evitare pericoli fisici

B – Atteggiamenti mentali, azioni o forme di adattamento che tendono a far evitare stati di disagio

C – Atteggiamenti mentali che tendono a far evitare stati di disagio

D – Azioni che tendono a far evitare stati di disagio

8 – La schizofrenia è caratterizzata, a livello diagnostico, da una persistenza dei sintomi di almeno:

A – 3 mesi

B – 6 mesi

C – 5 mesi

D – 7 mesi

9 – Chi è l’autore del libro “Notes of Nursering”?

A – Florence Nightingale

B – Dorothea Orem

C – Hidelgard Peplau

D – Evelin Adam

10 – Quando si ritiene comunemente che avvengano gli esordi della schizofrenia?

A – Tra i 15 ed i 25 anni per gli uomini e i 25 e i 35 per le donne

B – Tra i 20 e i 30 per gli uomini e nella stessa fascia di età per le donne

C – Tra i 25 e i 35 per gli uomini e i 35 e i 45 per le donne

D – Dopo i 50 per entrambi i sessi

11 – L’acrofobia è:

A – La paura dei temporali

B – La paura dei terremoti

C – La paura delle dita

D – La paura delle altezze

12 – L’ipsaritmia è:

A – Un’alterazione del sonno

B – Un’alterazione del controllo sfinterico

C – Un’alterazione ormonale

D – Un’alterazione delle attività elettrica cerebrale

13 – Cosa si intende dire in sociologia quando si parla di “concezione relativistica della devianza”?

A – ll deviante è individuato dalla società

B – II deviante è individuato da un gruppo

C – Il deviante è individuato da se stesso

D – Il deviante è individuato dal gruppo e dal singolo

14 – Quale tipo di indagine richiede un rapporto diretto tra il ricercatore e il soggetto in esame?

A – Questionario

B – Intervista

C – Campionamento

D – Cartogramma

15 – La teoria nota come “self care deficit nursering theory” è attribuibile a?

A – Hidelgard Peplau

B – Florence Nightingale

C – Dorothea Orem

D – Virginia Henderson

16 – L’uso protratto di anfetamine può comportare:

A – Il sorgere di una psicosi

B – La slatentizzazione di una nevrosi

C – La slatentizzazione di una psicosi

D – Crisi oculogire

17 – Il processo di reazione alla conoscenza di essere affetto da patologia oncologica prevede, in sequenza, le seguenti fasi:

A – Rabbia – negazione – patteggiamento – accettazione

B – Patteggiamento – rabbia – negazione – accettazione

C – Negazione – rabbia – patteggiamento – accettazione

D – Rabbia – patteggiamento – negazione – accettazione

18 – Tra i disturbi psichici rientrano i disturbi da abuso e dipendenza da sostanze psicoattive. Tra queste rientrano:

A – Il fumo di cannabinoidi o di oppiacei

B – La caffeina, l’alcol

C – Il tabacco, la caffeina

D – Tutte le risposte proposte (il fumo di cannabinoidi o di oppiacei; il tabacco, l’alcol: la caffeina, l’alcol; il tabacco, la caffeina; il tabacco, l’alcol)

19 – L’anoressia è:

A – Una malattia metabolica

B – Un disordine dell’alimentazione

C – Un disordine alimentare che colpisce prevalentemente in età geriatrica

D – Un disturbo metabolico che porta alla magrezza patologica

20 – Come si può avere successo nel trasmettere una informazione ad un paziente?

A – Fornendo informazioni chiare, concise, con gradualità e in più occasioni

B – Fornendo informazioni chiare e complete subito all’ingresso della persona nella struttura

C – Restando calmi e cercando di dire tutto il possibile

D – Utilizzando termini tecnici e specialistici

21 – Le dipendenze, come condizioni patologiche, si verificano solitamente:

A – Tra il secondo e il terzo decennio di età

B – Solo nel terzo decennio di età

C – Tra il terzo e il quinto decennio di età

D – Solo nel quarto decennio di età

22 – Il terzo assioma della comunicazione è:

A – E’ impossibile non comunicare

B – La punteggiatura può determinare il senso della comunicazione

C – Gli esseri umani comunicano sia in modo “analogico” che in “digitale”

D – Ogni interazione è simmetrica o complementare

23 – La demenza è:

A – Una malattia caratterizzata da un decadimento importante delle funzioni cognitive

B – Non è una malattia

C – Una malattia genetica

D – Nessuna risposta

24 – Di quale delle seguenti funzioni psichiche sono un disturbo le allucinazioni?

A – Giudizio

B – Percezione

C – Super lo

D – ldeale di sé

25 – Fa parte dei disturbi caratterizzati da alta emotività:

A – Disturbo paranoide

B – Disturbo borderline

C – Disturbo schizotipico

D – Disturbo di personalità evitante

26 – Il test di Goodenough prevede il disegno di:

A – Famiglia

B – Albero

C – Omino

D – Casa

27 – La depressione in età evolutiva è prevalentemente:

A – Endogena

B – Strutturata

C – Primaria

D – Reattiva

28 – Tra i protagonisti della socializzazione secondaria si ritrovano:

A – Fratelli e sorelle

B – Genitori

C – Parenti

D – Scuola

29 – Le modalità di reazione del paziente all’evento chirurgico dipendono:

A – Dai sentimenti del paziente e dalla sua concezione di salute

B – Dalle condizioni fisiche del paziente e dai suoi sentimenti

C – Dallo stato psico-fisico del paziente e dalla sua concezione di salute

D – Dallo stato psico-fisico del paziente e dai suoi sentimenti

30 – Nel trattamento psicoterapico cosa risulta essere maggiormente importante?

A – La vicinanza rispetto a casa propria

B – L’alleanza terapeutica

C – L’aspetto economico

D – La corrispondenza di genere